Diritto Bancario – La Cassazione ribadisce che fino all’1.1.2010 nel calcolo della soglia usura non si computa la CMS
201701.09
Off
0

Diritto Bancario – La Cassazione ribadisce che fino all’1.1.2010 nel calcolo della soglia usura non si computa la CMS

Con la sentenza n. 12965 pubblicata il 22 giugno 2016, la  Prima Sezione Civile della Cassazione aveva aderito all’orientamento, già predominante nella giurisprudenza di merito, secondo cui fino all’1.1.2010 nei contratti bancari,  per la verifica del rispetto del tasso soglia – usura, nel calcolo del TEG non va considerata la CMS. In sostanza, l’applicazione del nuovo…

Usura: antecedentemente al 1 gennaio 2010 la CMS non va considerata nel calcolo del TEG (Cassazione Civile, Sez. I, 03 novembre 2016, n. 22270)
201611.21
Off
0

Usura: antecedentemente al 1 gennaio 2010 la CMS non va considerata nel calcolo del TEG (Cassazione Civile, Sez. I, 03 novembre 2016, n. 22270)

In tema di contratti bancari, la disposizione dettata dall’art. 2-bis, comma secondo, del decreto-legge n. 185 del 2008, che attribuisce rilevanza, ai fini dell’applicazione dell’art. 1815 cod. civ., dell’art. 644 cod. pen. e degli artt. 2 e 3 della legge n. 108 del 1996, agl’interessi, alle commissioni e alle provvigioni derivanti dalle clausole, comunque denominate,…

Diritto bancario – Niente anatocismo nel mutuo con piano di ammortamento alla francese (Tribunale di Padova 29 maggio 2016)
201610.20
Off
0

Diritto bancario – Niente anatocismo nel mutuo con piano di ammortamento alla francese (Tribunale di Padova 29 maggio 2016)

In tema di contratti bancari, mutuo e ammortamento alla francese, non può essere accolta in questi casi la doglianza avente ad oggetto l’anatocismo giacché detto metodo di ammortamento non contiene alcun interesse anatocistico in quanto la formula matematica tipica di detto piano è quella dell’interesse semplice e non composto.

Anatocismo: a chi spetta l’onere della prova?
201607.07
Off
0

Anatocismo: a chi spetta l’onere della prova?

Nel giudizio concernente l’accertamento dell’illegittimità dei tassi applicati dalla banca in esecuzione di un contratto di conto corrente, incombe al correntista produrre il contratto ed i relativi estratti conto, dimostrando puntualmente le modalità di applicazione degli interessi anatocistici. (Tribunale di Prato, sentenza 21 giugno 2016, n. 713)

Diritto Bancario – Conto corrente – Ripetizione di indebito – Onere della prova del correntista – Produzione integrale degli estratti conto – Presunzione di ricezione degli estratti conto da parte del correntista – Mancato assolvimento onere probatorio – Rigetto
201605.18
Off
0

Diritto Bancario – Conto corrente – Ripetizione di indebito – Onere della prova del correntista – Produzione integrale degli estratti conto – Presunzione di ricezione degli estratti conto da parte del correntista – Mancato assolvimento onere probatorio – Rigetto

In tema di ripetizione dell’indebito ex art.2033 c.c., grava sull’attore presunto creditore l’assolvimento dell’onere della prova. Questi è tenuto a provare i fatti costitutivi della sua pretesa (e quindi l’avvenuto pagamento e la mancanza di una causa che lo giustifichi). Tale onere grava sull’attore anche nel caso in cui si assuma che il pagamento è indebito non per…