Centrale rischi: legittima la segnalazione solo se lo stato d’insolvenza è strutturale e definitivo (sentenza n.25512del 26 ottobre u.s. della suprema Corte di Cassazione)
201711.17
Off
0

Centrale rischi: legittima la segnalazione solo se lo stato d’insolvenza è strutturale e definitivo (sentenza n.25512del 26 ottobre u.s. della suprema Corte di Cassazione)

Lo stato di sofferenza deve essere valutato attentamente in quanto non tutte le “sofferenze” sono uguali. Questo il significato della sentenza n.25512del 26 ottobre u.s. della suprema Corte di Cassazione. E’ stato accolto il ricorso di due viticoltori che avevano lamentato un eccesso di zelo del Banco di Sicilia, che aveva senza giustificati motivi trasmesso…

Il Comune non risponde dei danni conseguiti alla caduta nel cimitero (Corte di Appello di Lecce, sez. II, sentenza 12 ottobre 2017 n.1051)
201711.09
Off
0

Il Comune non risponde dei danni conseguiti alla caduta nel cimitero (Corte di Appello di Lecce, sez. II, sentenza 12 ottobre 2017 n.1051)

Il Comune non può essere ritenuto responsabile dei danni occorsi ad una cittadina, recatasi al cimitero per cambiare i fiori sulla tomba dei propri defunti ed inciampata su una tubatura dell’impianto di irrigazione presente nel terreno. La responsabilità oggettiva prevista ai sensi dell’art. 2051 del Codice Civile, invocabile anche nei confronti della Pubblica Amministrazione per…

Usura sopravvenuta: importante sentenza delle Sezioni Unite Civili della Corte di Cassazione (Sent. n.24675/2017)
201710.26
Off
0

Usura sopravvenuta: importante sentenza delle Sezioni Unite Civili della Corte di Cassazione (Sent. n.24675/2017)

Le Sezioni Unite negano l’usurarietà sopravvenuta Con la sentenza n. 24675 del 2017, le Sezioni Unite hanno risolto l’importante contrasto sulla questione relativa all’incidenza del sistema normativo antiusura, introdotto dalla legge 7 marzo 1996, n. 108 sui contratti stipulati anteriormente alla sua entrata in vigore, anche alla luce della norma di interpretazione autentica di cui…

Segretezza software: non preclusa dall’astratta possibilità di eseguire un reverse engineering
201709.21
Off
0

Segretezza software: non preclusa dall’astratta possibilità di eseguire un reverse engineering

Con sentenza del 19 maggio 2017 la Corte d’appello di Torino ha ribadito che nell’ambito della disciplina dei segreti industriali il requisito della segretezza non è automaticamente ed inevitabilmente precluso dalla possibilità astratta di ottenere le informazioni riservate scomponendo il prodotto del concorrente, ma solo nel caso in cui il processo di reverse engineering sia relativamente semplice…

LOCAZIONE E CONDOMINIO – Gravano sul condominio le spese per la manutenzione dei balconi
201709.21
Off
0

LOCAZIONE E CONDOMINIO – Gravano sul condominio le spese per la manutenzione dei balconi

Gli elementi esterni, quali i rivestimenti della parte frontale e di quella inferiore, e quelli decorativi di fioriere, balconi e parapetti di un condominio, svolgendo una funzione di tipo estetico rispetto all’intero edificio, del quale accrescono il pregio architettonico, costituiscono, come tali, parti comuni ai sensi dell’articolo 1117, n. 3, c.c., con la conseguenza che…

Diritto bancario – Prodotti derivati stipulati con enti locali: legittimi i costi impliciti se congrui all’entità ed alla natura dell’operazione finanziaria
201709.04
Off
0

Diritto bancario – Prodotti derivati stipulati con enti locali: legittimi i costi impliciti se congrui all’entità ed alla natura dell’operazione finanziaria

Il Tribunale di Roma, con la decisione del 4 luglio 2017, n. 13544, ha stabilito la legittimità di prodotti derivati (“Swap – Collar1 – Collar2″) sottoscritti da un “piccolo” Comune; in particolare, il Tribunale ha ritenuto che: 1) In virtù del necessario perseguimento del fine di lucro, sono legittimi, se congrui rispetto all’entità e la natura…

RUMORE FONTE DI STRESS – RISARCIMENTO DANNI (Corte Corte di Cassazione n. 16408 del 4 luglio 2017)
201708.01
Off
0

RUMORE FONTE DI STRESS – RISARCIMENTO DANNI (Corte Corte di Cassazione n. 16408 del 4 luglio 2017)

La Corte Corte di Cassazione, con sentenza n. 16408 del 4 luglio 2017, ha confermato la condanna del gestore di un bar al risarcimento dei danni patiti da una coppia di coniugi che lamentava di subire quotidianamente immissioni sonore provenienti da un bar sottostante il proprio appartamento, eccedenti il normale limite di tollerabilità. La Cassazione…

Diritto di famiglia ed esecuzioni immobiliari – Il bene in comunione oggetto del pignoramento eseguito nei confronti di uno dei coniugi – Ordinanza del Tribunale di Livorno del 25 giugno 2017
201706.27
Off
0

Diritto di famiglia ed esecuzioni immobiliari – Il bene in comunione oggetto del pignoramento eseguito nei confronti di uno dei coniugi – Ordinanza del Tribunale di Livorno del 25 giugno 2017

Interessante ordinanza del TRIBUNALE DI LIVORNO (Ufficio Esecuzioni) del 25 giugno 2017 nella quale si affronta la questione del pignoramento immobiliare eseguito nei confronti di uno dei coniugi-debitore. Il Tribunale, a scioglimento della riserva, – considerato che, stante la data del matrimonio e non risultando una scelta di carattere contrario da parte dei coniugi, deve ritenersi che il…

Diritto Bancario – Responsabilità oggettiva della banca negoziatrice di assegno non trasferibile e contemporanea configurabilità del concorso di colpa del soggetto traente (Cassazione Civile, Sez. I, 2 dicembre 2016, n. 24659)
201705.29
Off
0

Diritto Bancario – Responsabilità oggettiva della banca negoziatrice di assegno non trasferibile e contemporanea configurabilità del concorso di colpa del soggetto traente (Cassazione Civile, Sez. I, 2 dicembre 2016, n. 24659)

La Suprema Corte di Cassazione, pur riconoscendo una responsabilità oggettiva della banca negoziatrice per il pagamento di assegno non trasferibile a persona diversa dal beneficiario – ex art. 43, secondo comma, della Legge assegni -, ha confermato la configurabilità del concorso di colpa del soggetto traente a causa di una condotta sorretta da colpa generica,…

TANTO RUMORE PER POCO – Così la Suprema Corte nella sentenza n. 11504/17: “Mantenimento non va riconosciuto a chi è indipendente economicamente”. Ovvero, possiede redditi, patrimonio mobiliare e immobiliare, “capacità e possibilità effettive” di lavoro personale e “la stabile disponibilità” di un’abitazione
201705.12
Off
0

TANTO RUMORE PER POCO – Così la Suprema Corte nella sentenza n. 11504/17: “Mantenimento non va riconosciuto a chi è indipendente economicamente”. Ovvero, possiede redditi, patrimonio mobiliare e immobiliare, “capacità e possibilità effettive” di lavoro personale e “la stabile disponibilità” di un’abitazione

TANTO RUMORE PER POCO La sentenza n. 11504/2017, uscita in questi giorni, ha suscitato molto interesse nei mass media perché sembrerebbe essere particolarmente innovativa, introducendo nuovi criteri idonei a spazzar via, nella maggior parte dei casi, il diritto all’assegno di divorzio in forza di una interpretazione più adeguata, afferma la Cassazione, al cambiamento della società…

L’obbligo di mantenimento non cessa se il figlio maggiorenne prosegue negli studi (Cassazione civile, sez. VI-1, sentenza 26 aprile 2017, n. 10207)
201705.04
Off
0

L’obbligo di mantenimento non cessa se il figlio maggiorenne prosegue negli studi (Cassazione civile, sez. VI-1, sentenza 26 aprile 2017, n. 10207)

 La cessazione dell’obbligo di mantenimento dei figli maggiorenni non autosufficienti deve essere valutata caso per caso, poiché il diritto del figlio al mantenimento durante gli studi si giustifica nei limiti del perseguimento di un progetto educativo e di un percorso di formazione, nel rispetto delle sue capacità, inclinazioni e aspirazioni purché compatibili con le condizioni…

L’impignorabilità dei singoli accrediti in conto corrente in mancanza di saldo positivo del conto (Trib. Palermo, ord. 19 marzo 2017
201705.03
Off
0

L’impignorabilità dei singoli accrediti in conto corrente in mancanza di saldo positivo del conto (Trib. Palermo, ord. 19 marzo 2017

Con il contratto di conto corrente bancario ci troviamo di fronte ad un rapporto giuridico unitario, che non può essere scisso dal terzo creditore per godere delle sole poste attive. Di conseguenza, in assenza di un saldo attivo di conto corrente, il Giudice dell’esecuzione non può disporre ordinanza di assegnazione di singoli accrediti anche se pervenuti dopo la notifica del…