201610.27
Off
0

Diritto bancario – L’art.1815 c.c. è applicabile a tutti i contratti che prevedono la messa a disposizione di denaro (Cass. Civ. n.12965/2016)

L’art. 1815 c.c. dispone che il mutuatario deve corrispondere gli interessi al mutuante, salvo diversa volontà delle parti, e che, se sono pattuiti interessi usurari, la clausola è nulla e non sono dovuti interessi.

La Cassazione, con la sentenza n. 12965 del 22 giugno 2016 ha affermato che l’art. 1815 c.c., comma 2, come novellato dalla Legge n. 108 del 1996 sull’usura, è norma applicabile a tutti i contratti bancari che prevedono la messa a disposizione di denaro dietro una remunerazione, compresa l’apertura di credito in conto corrente, e questo senza che l’art. 1815 c.c. possa considerarsi norma speciale (…)